Accesso archivio documentale.

EU-GIAPPONE – Nuovo accordo dal 2019?

Una nuova opportunita di beneficiare dell’Origine Preferenziale tra UNIONE EUROPEA e GIAPPONE.

 

Al vertice UE-Giappone a Tokyo, i presidenti Jean-Claude Juncker e Donald Tusk assieme al primo ministro giapponese Shinzo Abe hanno firmato quest’oggi, 17 Luglio 2018, l’accordo di partenariato economico UE-Giappone (APE) il quale dovrebbe portare all’azzeramento dei dazi sul 90% degli scambi commerciali tra Ue e Giappone oltre all’eliminazione di una serie di barriere non tariffarie.

 

Una volta ratificato dal Parlamento europeo e dalla Dieta giapponese, l’accordo dovrebbe entrare in vigore a partire dal 2019. L’Italia ha già dato il suo consenso alla firma da parte dell’Ue il 6 luglio scorso, non sollevando obiezioni nella procedura scritta avviata in sede di Consiglio.

 

L’accordo permetterà di rimuovere circa un miliardo di dazi pagati ogni anno dalle imprese Ue per esportare verso il Giappone. L’intesa eliminerà anche una serie di barriere regolamentari in diversi settori, tra cui quello delle automobili (anche se i dazi verranno eliminati progressivamente in un periodo di 7 anni).

 

In totale, l’accordo potrebbe portare, secondo le stime della Commissione Europea, ad un aumento delle esportazioni Ue verso il Giappone del 13,2% (circa 13,5 miliardi di euro).

 

Si tratta pertanto di una nuova opportunità per tutte le imprese coinvolte nel commercio internazionale, in materia di Origine Preferenziale, per il quale la M. Parisi resta a completa disposizione per fornire assistenza, anche attraverso un’apposita area dedicata alla Consulenza e Formazione.